Yearly Archives: 2012

luHist1-300x292.gif

Tumore polmonare

Secondo la classificazione istopatologica dell’OMS, oltre il 95% delle neoplasie polmonari sono riconducibili a quattro istotipi principali: A) carcinoma squamoso o epidermoide; B) adenocarcinoma (con la variante bronchioloalveolare); C) carcinoma indifferenziato a piccole cellule o microcitoma (SCLC); D) carcinoma indifferenziato a grandi cellule. A) carcinoma

bronchiectasis-300x282.jpg

Bronchiectasie

Le bronchiectasie rappresentano alterazioni morfostrutturali dei bronchi caratterizzate da dilatazione irreversibile della parete bronchiale, imputabile a distruzione delle componenti muscolari ed elastiche delle loro pareti. Risultano associate ad infezione batterica cronica e alla produzione di escreato muco- purulento. Possono essere dovute a fattori congeniti o,

PiZZ_Europe-300x300.png

Deficit di alfa1antitripsina

L’ alfa1antitripsina (α1AT) è una glicoproteina sintetizzata dal fegato. Possiede la proprietà di legarsi avidamente agli enzimi proteolitici, che costituiscono il patrimonio enzimatico di polimorfonucleati e macrofagi, inattivando e limitando in tal modo le conseguenze della loro liberazione nell’ambiente alveolare. Nelle situazioni in cui si

cartoon-COPD-300x197.jpg

Broncopatia cronica

La broncopatia cronica (BPCO) è un problema di sanità pubblica molto rilevante e rappresenta una delle principali cause di morbilità e mortalità nel mondo. Nel 1990 occupava il sesto posto come causa di morte, ma diverrà la terza causa di morte nel mondo nel 2020,

relievers3b_1_world.jpg

I broncodilatatori

I farmaci broncodilatatori rappresentano il cardine del trattamento della BPCO. I broncodilatatori disponibili per il trattamento della BPCO sono 1) beta 2 agonisti a lunga durata d’azione: salmeterolo, formoterolo, indacaterolo (LABA); 2) anticolinergici a lunga durata d’azione: ipratropio, tiotropio (LAMA); 3) teofillina a lento rilascio.