Tag Archives: broncopatia cronica

image_gallery.jpg

Test di broncodilatazione

Il test di broncodilatazione consiste nel somministrare salbutamolo, beta agonista a breve durata d’azione, per via inalatoria e nel ripetere la spirometria dopo un intervallo di 15 minuti. Un incremento di almeno il 12% del FEV1 oppure un suo aumento di almeno 200 ml è

Senza-titolo-1

Orizzonti nella BPCO

Agusti et al. hanno recentemente proposto un approccio integrato alla biopatologia della BPCO basato sul presupposto che la BPCO non è una condizione di un singolo organo, ma esiste una complessa rete di risposte collegate inter-organo che modulano la storia naturale della malattia. Il riconoscimento

asthmacopd-overlap-syndrome-acos-1-638-300x225.jpg

ACOS

L’asma bronchiale e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) sono malattie croniche con elevata prevalenza nella popolazione generale. Sebbene sia riconosciuta una notevole differenza nella loro fisiopatologia, in determinate circostanze le due malattie possono convergere nello stesso paziente. Ciò ha indotto a definire una nuova entità

slide_411.jpg

Stadiazione della broncopatia

Le linee guida della BPCO (GOLD) classificano i pazienti in quattro categorie in base alla gravità: includono nella A e nella B quelli con basso rischio e in C e D quelli ad alto rischio di riacutizzazioni. I soggetti in classe A e C presentano

bpco.jpg

Terapia della BPCO

La terapia della BPCO vede l’impiego di due classi principali di broncodilatatori: i β2-agonisti e gli antagonisti muscarinici. I primi a essere introdotti sono stati quelli a breve durata d’azione (short-acting), tuttavia ormai da diversi anni sono diventati di uso comune i broncodilatatori a lunga