Tag Archives: asma bronchiale

13040819210_21.jpg

Asma professionale

E’ una patologia respiratoria occupazionale. Elementi determinanti per la sua corretta definizione sono la specificità per l’attività lavorativa e il rapporto di causalità tra la sostanza presente nel posto di lavoro e l’insorgenza della malattia. Secondo dati INAIL, nel 2000 l’asma occupazionale rappresentava l’1,5% delle

reflux_asthma_diagram_02_ENGL.jpg

Asma e comorbilità

Un ulteriore fattore che condiziona il controllo dell’asma è rappresentato dalla presenza di patologie associate. E’ noto, ad esempio, come condizioni quali il reflusso gastro-esofageo e la rino-sinusite cronica, se non opportunamente trattate, innescano meccanismi di stimolazione persistente sulla regolazione del tono bronchiale che possono

spirometry-300x260.jpg

Validità della spirometria

Le raccomandazioni delle più autorevoli associazioni di Pneumologia (ATS/ERS) stabiliscono la validità di un esame spirometrico basandosi sul rispetto di due requisiti essenziali: a) almeno 3 curve esenti da difetti tecnici di esecuzione (definite curve “accettabili”) b) valori di FVC e FEV1 coerenti tra le

aca0c84558858c347942e993cb23376c_1378365626.jpg

Asma e obesità

La riduzione del peso corporeo rende l’asma più facilmente controllabile. Vi è una chiara correlazione tra obesità ed asma grave e cio è più evidente nel sesso femminile, forse in relazione con influenze ormonali.  L’associazione asma grave-obesità risulta associata alla presenza di reflusso gastro-esofageo e

image_gallery.jpg

Test di broncodilatazione

Il test di broncodilatazione consiste nel somministrare salbutamolo, beta agonista a breve durata d’azione, per via inalatoria e nel ripetere la spirometria dopo un intervallo di 15 minuti. Un incremento di almeno il 12% del FEV1 oppure un suo aumento di almeno 200 ml è

ctn.jpg

Gravità dell’asma

Asma intermittente  frequenza degli episodi nelle ore diurne inferiore a due volte a settimana  frequenza degli episodi nelle ore notturne inferiore a due volte al mese episodi gravi una volta o meno a settimana nel corso degli ultimi 12 mesi  sintomi indotti da esercizio fisico

200539_130731_medicine_in_vacanza_5ce8abcdad704ebe4fbb46c086e5deda.jpg

Asma: consigli

Consigli prima delle vacanze prenotare un appuntamento dal medico specialista per rivedere, nel caso, il piano d’azione personalizzato per la gestione dell’asma e per sapere cosa fare in caso di emergenza anche le persone con cui si viaggia dovrebbero essere informate sulla malattia e su

8-233-1-SP-300x218.jpg

Aderenza alla terapia

La therapy compliance (termine inglese spesso usato dai medici per indicare l’aderenza al regime terapeutico) è un momento cruciale nella gestione dell’asma e può avere ricadute importanti, non solo sulla salute del paziente, ma anche sul sistema sanitario nazionale. Un trattamento d’emergenza, infatti, impone al

Asthma_050113-617x416-e1413812785477-300x200.jpg

Insuccesso della terapia

Nella terapia dell’asma buona parte degli “insuccessi terapeutici”è ascrivibile alla mancata aderenza alla terapia da parte dei pazienti. È importante che il paziente sia consapevole della propria malattia e della necessità di gestire la stessa in maniera adeguata. È di assoluta importanza che il paziente

Population_graphic-severe-asthma-page-300x298.png

Asma grave

L’asma allergica grave è una forma patologica in cui i sintomi persistono nonostante l’assunzione della massima terapia possibile. In tali forme occorre considerare altri approcci terapeutici, ad esempio la terapia con anticorpo monoclonale, che riconosce e neutralizza in maniera specifica le IgE, che andrebbero altrimenti