Asma bronchiale

Secondo le linee guida (dette GINA, Global INitiative for Asthma) dell’ O.M.S. l’asma bronchiale e’ una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree che causa un aumento della responsività bronchiale che a sua volta  provoca episodi ricorrenti di respiro sibilante (wheezing), respiro corto, costrizione toracica e tosse. Tali episodi sono associati ad una ostruzione bronchiale, solitamente reversibile. Caratteristiche dell’asma sono: a) infiammazione cronica delle vie aeree; b) episodi di broncospasmo reversibile; c) iperreattività bronchiale. In almeno 2/3 dei casi, l’asma ha eziologia allergica, ossia è sostenuta da una reazione IgE-mediata. Gli allergeni più frequentemente responsabili sono: acari della polvere (dermatofagoidi), pollini (parietaria, graminacee, olivo, betulla, ambrosia), epiteli animali (gatto, cane) e più raramente muffe (aspergillo, alternaria). Esistono anche forme di asma professionale, da sostanze inorganiche (isocianati, formalina, acrilati). Altra possibile causa di asma è il reflusso gastroesofageo, nel quale si suppone si abbia inalazione di piccole quantità di materiale acido che scatena il broncospasmo.