Monthly Archives: luglio 2015

this_is_file_name_2573.jpg

Ossigenoterapia a lungo termine

Secondo quanto riscontrato da una recente revisione con meta-analisi della letteratura, che ha preso in esame un totale di 431 soggetti, alcuni pazienti con BPCO attualmente non candidabili all’ossigenoterapia domiciliare potrebbero trarne beneficio per ridurre la dispnea. Secondo l’autore dello studio, David Currow della Flinders

Senza-titolo-2

Asma e nuoto

Secondo un recente studio condotto sugli atleti olimpici, i nuotatori, specie quelli di resistenza,  hanno maggiori probabilità di sviluppare asma rispetto a coloro che praticano a livello agonistico altri sport acquatici. Secondo gli esperti, l’intensità dell’allenamento e le lunghe ore trascorse in acqua potrebbero esporre

slide_411.jpg

Stadiazione della broncopatia

Le linee guida della BPCO (GOLD) classificano i pazienti in quattro categorie in base alla gravità: includono nella A e nella B quelli con basso rischio e in C e D quelli ad alto rischio di riacutizzazioni. I soggetti in classe A e C presentano

bpco.jpg

Terapia della broncopatia cronica

La terapia della BPCO vede l’impiego di due classi principali di broncodilatatori: i β2-agonisti e gli antagonisti muscarinici. I primi a essere introdotti sono stati quelli a breve durata d’azione (short-acting), tuttavia ormai da diversi anni sono diventati di uso comune i broncodilatatori a lunga