Tag Archives: allergeni

allergia-gatto1.png

Allergia ai gatti

L’esposizione precoce alle sostanze allergiche (allergeni) può favorire l’insorgenza di sensibilizzazione allergica anche se è stato osservato che nei primi mesi di vita potrebbe avere un’azione protettiva, facilitando l’insorgenza di tolleranza immunologica. Infatti nella prima infanzia il contatto precoce con allergeni perenni e molto attivi

olivo.jpg

Olivo

Pianta sempreverde tipica della regione mediterranea. Durante la stagione dell’impollinazione (maggio-giugno) libera grandi quantità di polline; è causa di numerosi casi di asma bronchiale, specie nell’Italia centro-meridionale ed in Liguria. Originally posted 2014-01-05 17:35:14.

CIMG0673-1024x768.jpg

Composite

I generi di maggiore importanza sono l’Ambrosia e l’Assenzio (o Artemisia): cresce nei giardini incolti, nei ruderi, ai margini di strade e sentieri; fioritura agosto-settembre. Originally posted 2014-01-04 17:33:14.

parietaria_diffusa_17.jpg

Parietaria

Cresce abbondantemente (specie nell’Italia meridionale) nelle fessure dei muri, sui ruderi e sotto gli alberi, al di sotto dei mille metri, con fioritura pressochè perenne, anche se di entità diversa da regione a regione. Originally posted 2013-12-05 17:30:15.

asthmacopd-overlap-syndrome-acos-1-638-300x225.jpg

ACOS

L’asma bronchiale e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) sono malattie croniche con elevata prevalenza nella popolazione generale. Sebbene sia riconosciuta una notevole differenza nella loro fisiopatologia, in determinate circostanze le due malattie possono convergere nello stesso paziente. Ciò ha indotto a definire una nuova entità

errore.jpg

Errori in terapia

non corretta agitazione della bomboletta prima dell’uso non corretta assunzione della posizione eretta prima dell’inalazione incapacità di espirare completamente l’aria contenuta nei polmoni prima di inalare il farmaco non espirare profondamente prima dell’erogazione se l’erogatore viene premuto prima o dopo l’inspirazione, il farmaco non arriva

F2.large_-300x209.jpg

Fenotipi ACOS

Zeki e collaboratori hanno descritto due fenotipi clinici per la definizione dell’ACOS: malattia allergica coerente con asma, cioè ostruzione variabile con incompleta reversibilità o iperreatività bronchiale (con o senza enfisema o ridotta DLCO BPCO con enfisema accompagnato da reversibilità anche parziale dell’ostruzione delle vie aeree

kjim-30-443-g007-300x192.jpg

ACOS

Per diagnosticare l’ACOS alcuni autori hanno proposto, in pazienti a cui è già stata diagnosticata la BPCO, due criteri maggiori e due minori. Criteri maggiori: un test di broncodilatazione spiccatamente positivo (aumento del FEV1 ≥15% e ≥400 ml) eosinofilia nell’espettorato storia personale di asma. Criteri

670px-Use-an-Inhaler-Step-14Bullet12.jpg

Inalatori

Da alcuni anni sono disponibili inalatori di polvere (drypowd inhalers, DPI) che offrono alcuni vantaggi rispetto agli spray.  Con l’erogatore di polvere, il paziente compiendo un’inspirazione aspira direttamente una dose di farmaco. Non necessita quindi di coordinazione tra mano e respiro, non deve agitare l’erogatore

respiration-arbre.jpg

Polmoni e ambiente

Il controllo dell’ambiente sta diventando sempre più importante per il trattamento dell’asma. Importanti passi da fare in tal senso sono: minimizzare il contatto con gli animali domestici non permettere di fumare in casa eliminare strani odori e gas installare adeguate ventole in bagno e in