Tag Archives: ipossiemia

micro-oxigenacion.jpg

Ossigeno riduce la dispnea

Secondo quanto riscontrato da una recente revisione con meta-analisi della letteratura, che ha preso in esame un totale di 431 soggetti, alcuni pazienti con BPCO attualmente non candidati all’ossigenoterapia domiciliare potrebbero trarne beneficio per ridurre la dispnea. Secondo l’autore dello studio, David Currow della Flinders

cc2955-4-l-254x300.jpg

Ossigeno e sopravvivenza

L’ossigenoterapia a lungo termine (OLT) consiste nella somministrazione di ossigeno (O2) ad una concentrazione maggiore di quella presente nell’aria ambiente, allo scopo di trattare o prevenire i sintomi e le manifestazioni dell’ipossiemia arteriosa. Il trattamento con O2 può essere applicato sia in situazioni di acuzie,

nc10001707-300x154.jpg

Obesità e respirazione

Esiste una relazione inversa tra funzionalità respiratoria e gli indici di obesità (BMI, circonferenza della vita, rapporto tra circonferenza della vita e superficie corporea, 
percentuale di massa grassa, spessore delle pliche cutanee). Numerosi studi dimostrano una significativa relazione inversa tra sovrappeso/obesità, volumi polmonari, e restringimento

images.jpg

Ossigenoterapia a lungo termine

L’ossigenoterapia a lungo termine (OLT) è uno dei pochi interventi terapeutici dimostratosi in grado di modificare la prognosi in termini di anni di sopravvivenza e la qualità della vita dei pazienti BPCO in insufficienza respiratoria. Purtroppo anche nei confronti di tale presidio terapeutico esiste tuttavia

Pulmonary-Hypertension-280x300.jpg

Ipertensione arteriosa polmonare

Non è una malattia a se’ stante (tranne che nel caso di ipertensione polmonare primitiva e di malattia veno-occlusiva), bensì una condizione fisiopatologica che si viene a creare in seguito a malattie diverse dell’apparato respiratorio. Qualsiasi ostacolo al flusso polmonare crea una ipertensione a monte.