Alla palpazione si valutano innanzitutto l’espansibilità e l’elasticità del torace durante l’inspirazione, ponendo le mani a piatto con i pollici sulla linea paravertebrale all’altezza della 9- 10 costa. Il torace normale si espande simmetricamente e contemporaneamente sui due emilati all’atto dell’inspirazione (si parla altrimenti di respiro asimmetrico). Si valuta poi il fremito vocale tattile (FVT), facendo parlare il paziente o facendogli pronunciare una parola ricca di consonanti (es. trentatré). Il FVT è la vibrazione dell’aria prodotta dalla laringe e trasmessa a bronchi, bronchioli, alveoli, fino alla gabbia toracica. Perchè il FVT sia percepibile occorre quindi che: a) la vibrazione sia generata, b) che sia trasmessa al polmone c) che dal polmone si trasmetta alla parete toracica. L’occlusione di un bronco o la presenza di aria o liquido nel cavo pleurico, riducono la trasmissione del FVT alla superficie. La presenza di un addensamento polmonare, che sia a contatto diretto con la parete toracica (assenza di versamento pleurico) aumenta l’intensità del FVT.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>